Haiyore! Nyaruko-san Ovvero, quando Lovecraft incontra il Manga e il fattore trash ESPLODE.

Un dorato giorno a tutti miei prodi, fidi combattenti, mercenari, cavalieri di draghi, cacciatori di mostri vari, esploratori alla ricerca di tesori, compagni intenti al completamento di un’importantissima missione per la salvaguardia della terra e la distruzione di un tremendo oggetto magico.

A tutti voi io, il Capitano della Compagnia Dorata porgo i miei più sentiti saluti.

Oggi è un giorno di giubilo come la Compagnia non ne vede spesso, infatti già qualche tempo venni a conoscenza dell’esistenza di un frutto del Grande Albero del Trash particolarmente succoso, ma per farvelo apprezzare appieno dovevo rendervi partecipi in misura maggiore dell’opera lovecraftiana.

Ora, dopo sette articoli sulle dolci creature partorite dall’aberrante mente di Lovecraft direi che un po’ di materiale su cui lavorare c’è, possiamo così indignarci tutti insieme, da un lato, mentre dall’altro possiamo inneggiare alle infinite capacità del trash di superare continuamente se stesso.

Ora, per il momento sono solo riuscito a procurarmi conoscenze superficiali sulla materia in esame in questo articolo, ma non temete, riuscirò a procacciare la serie completa, a guardarla e a commentarla episodio per episodio, anche se non ho in mente una cosa troppo particolareggiata, perché, è trash e il trash va goduto per quello che è, semplice ed esagerato.

Prima di passare a proporvi il succulento pasto devo però rassicurarvi, su alcuni punti, non ho dimenticato Andrzej Sapkowski, attendo solo l’arrivo degli ultimi volumi per poter parlarvene avendo presente la saga al completo.

Ed ora, bando alle ciance, fuoco ai cannoni, che si levino nel sole i vessilli in puro oro massiccio della Compagnia Dorata, lucidate le corazze e impugnate le spade, il Trash sta arrivando.

Un'immagine riepilogativa dell'Anime!
Un’immagine riepilogativa dell’Anime!

Oh, cosa odono le mie orecchie! Guardate che ho fatto un master in psicologia spicciola e so cosa state pensando! È solamente un anime come tanti! Di ambientazione scolastica, con disegni non indimenticabili, e trama altrettanto dimenticabile, cioè, nulla su ci si debba soffermare, no?

No?

NO! assolutamente no! Questo Anime e relativo Manga senza contare l’OVA e l’originaria light novel è un perfetto esempio della risposta alla domanda “cosa farebbe un giapponese se gli si desse da rielaborare l’universo Lovecraftiano?”

Chi ha detto “un porno?” eh? Chi l’ha detto? Sergente Maggiore Hartman! Lo prenda e gli faccia fare così tanta ginnastica da fargli venire i muscoli al buco del culo!

lui ti troverà e ti farà fare così tanta ginnastica da farti venire i muscoli al buco del culo!
lui ti troverà e ti farà fare così tanta ginnastica da farti venire i muscoli al buco del culo!

Ora che questa piccola divergenza di opinioni è stata superata in modo civile e democratico possiamo proseguire, la risposta a questa annosa domanda che so oramai non vi lascia più dormire la notte è semplice, otterrebbe Haiyore! Nyaruko-san!

E ora un po’ di trama!

Mahiro Yasaka è un normale studente delle superiori (e te pareva) che vive una vita totalmente normale (e ci mancherebbe) finché viene rapito dagli alieni!

Qui il vostro giubilo dovrebbe iniziare a salire, ma non è ancora finita! Egli viene infatti salvato, naturalmente da una bella ragazza (ci mancherebbe) di nome Nyaruko che è in realtà quella sagoma di Nyarlathotep! Il dio del Caos, il Caos strisciante, il messaggero di Azathoth! Sì proprio lui!

In seguito per qualcosa come trentatré episodi si susseguono le avventure sconclusionate del nostro eroe che incontra una sempre maggiore quantità di altre simpatiche creature lovecraftiane rivisitate in veste manga!

Gioite! E gioite ancora di più ora che faremo un simpatico confronto tra le versioni manga e quelle originarie!

Iniziamo da Nyarlathotep! Questa è la sua versione originaria (e qui l’articolo dedicato)!

Nyarlathotep, nella sua versione originaria ricca di blasfemia (marchio della mancanza di sonno cronica di Lovy).
Nyarlathotep, nella sua versione originaria ricca di blasfemia (marchio della mancanza di sonno cronica di Lovy).

E questa invece è la versione dell’anime!

E questa è la versione Anime, ricca di ehm, pucciosità!
E questa è la versione Anime, ricca di ehm, pucciosità!

E ora facciamo un simpatico gioco! Trovate le differenze! Lo so, sono sottili, ma ci sono, fidatevi!

Ma non è finita qui! Ricordate Cthugha, La Fiamma Vivente, Colui che arde? (se non doveste, qui c’è l’articolo dedicato) Quella simpatica divinità aliena ardente che passava il tempo a farsi servire dai vari vampiri di fuoco e a restare imprigionata? Oh, non pensate possa esserci anche lei? Ricordate com’era? Per chi non se lo ricordasse, ecco un immagine che la mostra in tutta la sua dolcezza.

Vel la ricordate? è Cthugha! La fiamma vivente!
Vel la ricordate? è Cthugha! La fiamma vivente!

Ed ora, rullo di tamburi, eccola nell’anime!

Beh, ehm, insomma, ehm, dai, è quella no?
Beh, ehm, insomma, ehm, dai, è quella no?

Ma abbiamo ancora una carta da giocarci! Ecco Hastur, l’Innominabile, Colui che non deve essere nominato, Assatur, Xastur o Kaiwan! Lo ricordate? No? (se non doveste qui è disponibile il comodo articolo!) Ecco un’immagine per rinverdire la memoria!

Hastur, la versione lovecraftiana! Notate i tentacoli, i servitori mostruosi tipici di ogni grande essere maligno che si rispetti! E notate la tunica gialla, simbolo di Hastur!
Hastur, la versione lovecraftiana! Notate i tentacoli, i servitori mostruosi tipici di ogni grande essere maligno che si rispetti! E notate la tunica gialla, simbolo stesso di Hastur!

Ma come sarà diventato nell’anime? Oh, no, non un’altra ragazza, sarebbe stato troppo anche per i giapponesi, ma in compenso ci assomiglia molto.

e questa è la versione Anime, lo so, è difficile da crederlo, ma non è una ragazza...
e questa è la versione Anime, lo so, è difficile da crederlo, ma non è una ragazza…

E per oggi abbiamo concluso! Non siete elettrizzati? Cercherò di procurarmi del materiale per poter parlare più diffusamente di questa perla del trash nel frattempo, la Compagnia Dorata non si fermerà di certo! Nuove esilaranti avventure ci aspettano!

Precedente Gli Dei Esterni di Lovecraft 07, Cthulhu Successivo Il Bestiario della Compagnia Dorata 01 - il Revenant -